Passatelli senza glutine

Pubblicato il 25 Febbraio 2013

 DSCN6319

Questa è una ricetta tradizionale della cucina emiliano-romagnola e dell'Italia centrale. I passatelli sono molto nutrienti, quindi anche un ottimo ricostituente; all'origine, infatti, venivano preparati per i bambini inappetenti e per le puerpere.

L'ho gustata per la prima volta mentre mi trovavo in vacanza sulla riviera romagnola; il ristoratore dell'albergo per celiaci, in cui soggiornavo, non mi ha trasmesso la ricetta nei minimi termini, ma mi ha consigliato di usare al posto del pane grattugiato, previsto nella ricetta con glutine, un preparato di farine senza glutine, per evitare la friabilità dell'impasto finale.

Una volta pronto l'impasto lo si preme con lo stampo tradizionale, oppure con una pressa simile ad uno schiacciapatate ma a fori grandi (circa 7 cm di diametro), acquistabile in un fornito centro per casalinghi.

DSCN3667.JPG

Ecco gli INGREDIENTI per 2 persone:

E ORA AMALGAMIAMO fra loro tutti gli ingredienti. Se l'impasto dovesse risultare troppo asciutto aggiungete ancora un poco d'uovo sbattuto, altrimenti aggiungete un po' di farina.

DSCN6312.JPGDSCN6315.JPG

Preparate del buon brodo di carne (la tradizione vuole il brodo di gallina), riempite la pressa con una parte dell'impasto, fatene cadere un po' nel brodo bollente tagliandoli di una misura corta. I passatelli cuociono in fretta, sono pronti quando vengono a galla.

 

DSCN6326-copia-1.JPGSi possono gustare anche asciutti, conditi con sugo a piacere. In questo caso bisognerebbe tagliarli in una misura più lunga quasi come se fossero spaghetti, ... BUON APPETITO! DSCN3675

Scritto da Questo è il Blog di Elena moglie e mamma celiaca

Con tag #Primi piatti

Repost 0
Commenta il post

roberta 02/19/2016 21:04

li ho fatti e rifatti tante volte non si sbaglia di niente ricetta equulibrata e veramente ottimi!

Questo è il Blog di Elena 02/23/2016 12:18

Carissima Roberta,
sono contenta della tua soddisfazione! Piacciono tanto anche a me in brodo o in salsa :))
Buona giornata!
Elena